La sibilla barbaricina - Contus Antigus

La sibilla barbaricina

Tempo di lettura: 2 minuti

Negli anni 50, Joyce Lussu  racconta di un formidabile incontro con Elisabetta Lovico di Orgosolo.
L’amico che l’accompagnava, il nuorese Raffaello Marchi – l’  intellettuale che tanto contribui’ agli studi  antropologici sulla Sardegna – le anticipo’ << E’ una tiina >> , cioe’ una divina o divinatrice.

Elisabetta Lovico , donna solare  e di vitalita’ prorompente aveva sapienza, autonomia, autorita’ e identita’ e le usava per aiutare la sua comunita’: conosceva l’uso delle erbe benefiche per ogni malattia , sapeva aggiustare le ossa rotte ma riusciva anche a leggere  i turbamenti dell’animo umano e quando poteva – quando l’ascoltavano – si adoperava  a prevenire le conseguenti azioni drammatiche e irreparabili come un delitto o un furto.

Elisabetta parlava di una legge universale di giustizia “che riequilibra instancabilmente le fratture e le contraddizioni tra le azioni costruttive e distruttive, la vita e la morte”. Questa legge ,che chiamava con il termine “perogno” era tramandata oralmente dalle donne – Elisabetta era analfabeta e parlava solo in dialetto orgosolese – ma  originariamente si trovava scritta in un libro.
Il termine, che non trova alcun riferimento nella lingua sarda – si scopri’ poi essere un ‘aggiustamento’ dell’incipit latino del libro: “per omnia saecula saeculorum“.

Non e’ un libro di Chiesa pero’, niente aveva a che fare con i preti “che ingannano la povera gente e non possiedono la Sapienza”. Joyce si ripropose di approfondire l’argomento in successive conversazioni che pero’ non avvennero mai perche’ Elisabetta mori’, improvvisamente e prematuramente. Quel che e’ persino peggio fu la volonta’ da parte di tutti – secondo Joyce Lussu – di dimenticare se non addirittura calunniare e sminuire la vita e l’opera di Elisabetta Lovico.

Non la dimentico’ Raffaello Marchi che si riprometteva di pubblicare i tanti appunti su di lei e sulla cultura della Sardegna piu’ vera e calpestata. In una pubblicazione postuma , intitolata “la Sibilla barbaricina” edita  nel 2006 dall’ Istituto Superiore Regionale Etnografico della Sardegna, grazie al contributo notevolissimo di studio di Gino Satta, Clara Gallini, Luisa Selis Delogu e dell’ Associazione culturale ‘Raffaello Marchi’ di Nuoro che ha ceduto generosamente i diritti , si puo’ ritrovare la ricchezza immensa della ricerca del Marchi attorno alle pratiche magico-religiose delle zone interne della Sardegna, con particolare riferimento alla Barbagia.

Sarebbe bello e di inestimabile valore per tutti accertare l’esistenza del “libro perogno” e nel contempo raccogliere testimonianze sulla vita di Elisabetta Lovico che aveva sei figli e certo tantissimi ‘beneficiari ‘ del suo dono e della sua dedizione.
Si rivolge un accorato appello e una richiesta di aiuto  a tutti gli orgosolesi e barbaricini che hanno testimonianze e racconti sull’argomento e vogliono collaborare.

4 cose da fare prima di salutarci:
Aspetta! Prima di andare:
1. Ricevi subito l’Ebook GRATUITO Malocchio, prevenzione, cura e formule” iscrivendoti alla newsletter cliccando qui; in un minuto farai compagnia agli altri iscritti su contusu.it;
2. Se l’articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo sui tuoi social preferiti! Puoi farlo utilizzando i link social qui sopra;
3. Seguici sul gruppo Facebook
4. Hai domande, esperienze da portare, altro ? Scrivi un commento qui in basso.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE