Il carro dei buoi

Tempo di lettura: 2 minuti

streghe a villacidro

Il vecchio Efisiu Pibiri guidava ancora il carro trainato dai buoi, nonostante la non più giovanissima età.
Una sera dunque rientrava lentamente a Villacidro, dalle montagne di  Campus de Monti. Il grosso e pesante carro, carico di legna, procedeva lento e i buoi, visibilmente affaticati, procedevano piano, con la bava alla bocca.

All’inizio della grande salita de sa Pesada Manna, ziu Efisiu fermò il carro per far riposare i buoi prima di affrontare la lunga salita. Dopo alcuni minuti fece per far ripartire le bestie e in quel frattempo si ritrovò dinanzi ad una donna che gli chiese un passaggio sul carro, dato che era tanto stanca.

Ziu Efisiu era una persona seria e educatamente le chiese come si chiamasse e lei disse di chiamarsi  Maria Orrù. Le disse di sedersi sul retro del carro, a su pei de sa cuba, ovvero di mantenersi a uno dei due grossi tronchi che fungevano da pilastro portante e servivano a mantenere, assieme ai due posti anteriormente, la struttura del carro.
Come la donna si sistemò, il carro cominciò a muoversi.

Ma ziu Efisio restò sommamente sorpreso nell’osservare come i buoi procedevano ora con grande speditezza percorrendo la ripida salita con velocità insolita giungendo in brevissimo tempo alla fine della salita, in vista della prime abitazioni, a Bingiomigu. Qui la donna misteriosamente scomparve.

Giunto a casa, un po’ confuso e spaventato, raccontò ciò che gli era accaduto alla moglie la quale, quando sentì il nome della donna che aveva chiesto il passaggio sul carro, esclamò spaventata: «Santu Sisinni miu! Ma chi Maria Orrù est morta e interràda  de tres mesis! Cussa fiada una coga!» (San Sisinnio mio! Ma se Maria Orrù è morta e sepolta da tre mesi! Quella era una strega!)

Tratto dal volume Racconti fantastici, 2015.

Gian Paolo Marcialis
Villacidro, Gennaio 2015

Acquista su Amazon.it

4 cose da fare prima di salutarci:
Aspetta! Prima di andare:
1. Ricevi subito l’Ebook GRATUITO Malocchio, prevenzione, cura e formule” iscrivendoti alla newsletter cliccando qui; in un minuto farai compagnia agli altri iscritti su contusu.it;
2. Se l’articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo sui tuoi social preferiti! Puoi farlo utilizzando i link social qui sopra;
3. Seguici sul gruppo Facebook
4. Hai domande, esperienze da portare, altro ? Scrivi un commento qui in basso.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE