Brebus contro l’angosciante Ammutadori

Tempo di lettura: 2 minuti

Abbiamo più volte citato uno degli esseri demoniaci della tradizione sarda, chiamato Ammutadori, Ammuntadore o Personarzu. Per scacciarlo, se vi prende di mira, esiste uno scongiuro che le madri facevano recitare ai bambini anche come preghiera.

In questo brebu si parla dell’invidia come causa dell’arrivo de s’Ammutadori:

Sa rughe ‘e Santu Valentinu
eretta eretta che filu
e che filu eretta
mal’apat chie m’orettat
chie m’hat a orettare
iscuru hapad e male
iscuru che in buca
origas de istuppa istuppa
origas de ispagnola
tottu che essa foras
francu s’evangelista
chie m’istat in cabitta
in cabitta ‘e lettu
bonu est Santu Larentu
Santu Larentu est bonu
chi faghet su sonu
chi sona che puddu
s’ammuntadore l’agatten abbuvuddu

La croce di San Valentino
dritta dritta come filo
come un filo dritta
maledetto chi m’invidia
chi mi invidierà
abbia ascuro e male
scuro come in bocca
le orecchie come la stoppa
orecchie come la polvere spagnola
tutto esca fuori
fuorchè l’evangelista
che stia nel mio cuscino
nel cuscino del letto
è buono San Lorenzo
San Lorenzo è buono
perchè fa il suono
che suona come il pollo
l’ammutadore lo trovino gonfio

Come riporta Antonangelo Liori nel libro “Demini, miti e riti magici della Sardegna”, “in questo brebu ci sono alcune parole incomprensibili. L’espressione “San Lorenzo è buono perchè fa il suono che suona come il gallo” non ha alcun senso apparente, così come non si capiva cosa significasse origas de istuppa e origas de ispagnola. Dopo molte ricerche, ho azzardato che possa significare orecchie di stoppa per fucile e orecchie di polvere da sparo spagnola ( sa pulvura ispagnola è citata in numerosissime poesie popolari)”.
Anche il legame tra le due frasi è oscuro.
Per esorcizzare s’Ammutadori si recita anche una preghiera (probabilmente più recente de su brebu).

In custu lettu mi pongio
e cun Deus mi cumpongiu
e cun nostra Sennora
po passare notte bona
mi corco in custu lettu
cun s’anghelu perfettu
cun s’anghelu cantande
Gesù Cristu perdicande
cun sa luna e cun su sole
biau santu Sarbadore
biau Santu Serafinu
mi det bonu caminu

In questo letto mi metto
e con Dio mi compongo
e con nostra signora
mi metto in questo letto
con l’angelo perfetto
con l’angelo che canta
Gesù Cristo predicava
con la luna e con il sole
beato San Salvatore
beato San Serafino
mi metta sulla buona strada

Si vede chiaramente come alla preghiera cattolica si uniscano commistioni pagane, come i riferimenti alla Luna e il Sole.
Nella terza preghiera contro s’Ammutadori scompare ogni riferimento pagano:

Su lettu meu est de battor cantones
bottor anghelos si bi ponet
duos in pe e duos in cabitta
nostra Signora a su costau m’ista
e a mie narat drommi e reposa
no hapas paura de peruna cosa
no hapas paura de malu fine.
S’anghelu Serafine
s’anghelu biancu
s’ispiridu santu
sa virgine Maria
totus mi sian in cumpagnia.
Anghelu de Deu
custodi meu,
custa notti illuminami
guarda e difende a mie
ca deo incumando a tie

Il mio letto è di quattro angoli
quattro angeli vi si mettono
due ai piedi e due sulla testa
nostra Signora mi sta al fianco
e mi dice dormi e riposa
non aver paura di niente
non aver paura della fine cattiva
l’angelo Serafino
l’angelo bianco
lo spirito santo e la vergine Maria
tutti siano in mia compagnia
angelo di Dio
mio custode
questa notte illuminami
guarda e difendimi
perchè io mi affido a te

Ciononostante, l’invocazione più “forte” resta sempre su brebu, che viene usato quando le altre due preghiere non sortiscono alcun effetto contro l’incubo notturno.

I monumenti megalitici sardi come non li hai mai visti!