I brebus di Terralba

Tempo di lettura: 1

L’amico Istevini Pala ci ha gentilmente inviato alcuni Brebus trovati trascritti in un quaderno appartenente alla nonna. Felicemente ve li proponiamo. Il primo è uno scongiuro contro il malocchio mentre il secondo e il terzo sono delle preghiere. Buona lettura

 

 

 

S’ogu liau

Solitariu solitariu
anca ti currulidi su vicariu
perra concia ti scallentidi is spabas
anca passisti caranta dì mabas
totu a pesa croca
a sterri pilli a roca
cussu e non prusu
anca baddi che fusu
e che cuaddu de milis
a pedra appicighisi
po vola de murangessa
anca di scuridighi e no ti obbresciada
po pani e mura arrù
chi di potà in tranzilleri e gù
a ti e mammai tù
ottu funti is su stampus
noi (9) chin sa udda
s’ogu liau no ti faza nudda

A su Sacramentu

Genungu miu scoidau
genungadì cun atentu
sia sempri laudau
su santissimu sacramentu

Acua Santa

Acua Santa mi cunfrimu
a Deus saludu a primu
e a s’ostra Signora
no appu ascuttau missa ancora
seu banida po nd’ ascuttai
no seu sagura chi appa torrai
cun s’anima e cun su gropus
Nostra Signora assisti a totus