Su carru gocciu

Tempo di lettura: 3 minuti

Grazie all’amico sUwOHa per averci mandato questo racconto tratto dal libro di ELIA OLLA, “ARREGORDENDI QUARTU” uscito nel 1996 per AM&D EDIZIONI. Leggete la storia in sardo e in italiano.

Is storias de aiaia mia fiant propriu timoreggiantis e pariat chi nci gosessit a mi biri tremendi che unu pilloneddu in sa nì.
Ma ita fiat su carru gocciu ?
Su carru goggiu fiat po mannus e piticus una disperazioni troppu manna.
No fiat atturu (comenti is becius contanta) che unu carru tirau de dus bos arestis. In sa arrodas e asegus de su carru portanta cadenasa e botulus chi fianta unu carraxiu aicci leggiu chi totu sa genti fiat obligada a s’inzerrai in sa propriu domu.
Ma ita fiat, a nai sa beridadi, cussu dimoniu de Carru gocciu ?
Is femminas du timiant a bentu poita si narada ca cussu carru passada in totu is arrugas po ndi pigai una femmina male e po d’accapiai asegus de su carru e portada trisina trisina.
Ma chini fiada chi guidada su carru ?
Totu is femmina e is ominis puru assiguranta chi fessit propriu su dimoniu, totu bistiu de arrubiu chi bogada fogu de bucca!
A du nai craru e tundu cussu carru goggiu non fiada atturu che unu inginnu imbentau de malandrinus chi andanta a furai in is domus e po essiri sigurus de non essiri bistus de nixiunu intimoriggianta sa genti cun sonus de cadenas e cun izzerrius e cramoris.

Aiaia mia naràt aici:
Su carru gocciu, su pipiu miu de su coru, est mellus a non d’intendi mai passendi in s’arruga,Deus e sa mamma ti liberit de biri o de intendi una cosa aici leggia. Est unu carru mannu mannu tirau de dus bois arrestis e cun is arrodas totu scianca scianca e accappiadas a cadenas totus arruinadas. Candu morit un’anima mala, passat cussu carru po ndi da pigai, accapiada a una cadena in is peis e portada trisina trisina in terra.
E tui, su pipiu miu, bolis ixiri puru chini guidat su carru, berus ?
Nanta chi siat su dimoniu Luzziferru, là…
E’ tottu bistiu de arrubiu cuin is corrus longus longus, e comenti camminat… de is peis..de sa bucca puru..essint cicaddas de fogu chi parint artifiziu.
Candu nd’hat pinnigau totu is animas malas nci arziat a susu –


Le storie di mia nonna erano proprio spaventose  e sembrava che si divertisse a vedermi tremare come un uccellino nella neve.
Ma cosa era su Carru Gocciu?
Su Carru Gocciu era, per grandi e piccoli, una grandissima disperazione.
Non era altro, come raccontavano i vecchi, che un carro trainato da due buoi selvaggi. Nelle ruote, e dietro il carro, portava catene e barattoli, che facevano un rumore così brutto che tutta la gente era obbligata a rinchiudersi nella propria casa.
Ma cosa era, a dir la verità, questo diavolo de Carru Gocciu?
Le femmine ne erano terrorizzate perchè si dice che questo carro passava in tutte le strade per portar via una femmina cattiva e per legarla dietro il carro e trascinarla.
Ma chi era che guidava il carro?
Tutte le donne e anche gli uomini assicuravano che fosse proprio il diavolo, tutto vestito di rosso che toglieva fuoco dalla bocca!
A dirlo chiaro e tondo quel carro non era altro che un’ingegno inventato da malandrini che andavano a rubare nelle case e per essere sicuri di non essere visti da nessuno, spaventavano la gente con suoni di catene e con urla e clamori.

Mia nonna diceva così:

Su Carru Gocciu , bambino mio del cuore, è meglio non sentirlo mai passare nella strada, Dio e la Mamma ti liberi dal vedere o sentire una cosa così brutta. E’ un carro grande grande trainato da due buoi selvaggi e con le ruote sbilenche e legate da catene tutte arrugginite. Quando muore un’anima malvaggia, passa questo carro per prenderla, legata una catena nei piedi e trascinata per terra.
E tu, bambino mio, vuoi sapere anche chi guida il carro, vero?
Dicono che sia il diavolo Lucifero…
e’ tutto vestito di rosso con le corna lunghe lunghe, e come cammina… dai piedi… anche dalla bocca… escono scintille di fuoco che sembrano fuochi artificiali.
Quando ha preso tutte le anime cattive, sale sù