Sas doighi paraulas mannas – Le dodici parole di San Martino

Tempo di lettura: 4 minuti

dodici parole di san martino

Una delle preghiere-scongiuro della tradizione Sarda, presente con diverse variante in tutta Europa, è quella delle dodici parole di San Martino.
Si tratta di uno scongiuro molto potente utilizzato per evitare che i temporali facciano danni e per scacciare il Diavolo e spiriti maligni o processioni di morti, come Sa Reula.
Riguardo alle tempeste, si credeva che a generarle fosse il Diavolo in persona, per cui, recitando sas doighi paraulas mannas, si evitava che la propria abitazione e altre sette del vicinato venissero distrutte dalla furia del demonio.

Bisognava recitare questo lungo scongiuro con estrema attenzione perchè sbagliarlo comportava un inasprirsi della tempesta con conseguenze talvolta tragiche.
L’origine delle dodici parole risalgono alla leggenda relativa alla sfida tra San Martino ed il Diavolo (in alcuni casi la variante è la sfida tra il Diavolo e la Madonna) e sostanzialmente racconta di San Martino, ospite presso la casa di una ragazza che doveva sposarsi e secondo la tradizione i parenti dello sposo si sarebbero recati a casa della sposa a mezzanotte, per portarla via.
A mezzanotte in punto scoppiò un forte temporale e lo sposo, che in realtà era il Diavolo, busso alla porta.

Inizia una sfida tra lo sposo-demone che vuole entrare in casa e il santo:

Demone: “Ora
S.Martino: “Eo aintro e tue fora. Eo aintro e tue foras. Santu Martinu de sas paraulas bonas, su chi est aintro no est foras
Demone:”Amigu meu, naraminde una
S.Martino:”Una tind’hap’a narrer, però amigu no. Est chi su Sole lughet prus de sa Luna
Demone:”Amigu meu, naraminde duas
S.Martino:”Duas tind’hap’a narrer, però amigu no. Duas sun cuddas duas taulas de Mosè chi Zesu Cristu nabat in Gerusalè: Deus Babbu, Deus fizzu, Ispiridu santu amè
Demone:”Amigu meu, naraminde tres
S.Martino:”Tres tind’hap’a narrer, però amigu no. Tres po cuddas tres Marias, duas po cuddas duas taulas de Mosè cand’est andau Cristos a preigare in Gerusalè, nande Deus Babbu, Deus fizzu, ispiridu santu amè
Demone:”Amigu meu, naraminde battor
S.Martino:”Battor tind’hap’a narrer, però amigu no. Battor sun sos battor evangelios, tres sun sas tres Marias.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amigu meu, naraminde chimbe
S.Martino:”Chimbe tind’hap’a narrer, però amigu no. Chimbe sun sas chimbe pragas, battor sun sos battor evangelios.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amigu meu, naraminde sese
S.Martino:”Sese tind’hap’a narrer, però amigu no. Sese sun sas sese candelas, chimbe sun sas chimbe pregas.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amigu meu, naraminde sette
S.Martino:”Sette tind’hap’a narrer, però amigu no. Sette sun sos sette donos, sese sun sas sese candelas.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amigu meu, naraminde otto
S.Martino:”Otto tind’hap’a narrer, però amigu no. Otto sun sos otto coros, sette sun sos sette donos.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amigu meu, naraminde noe
S.Martino:”Noe tind’hap’a narrer, però amigu no. Noe sun sos noe ordinamentos, otto sun sos otto coros.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amigu meu, naraminde deghe
S.Martino:”Deghe tind’hap’a narrer, però amigu no. Deghe sun sos deghe cumandamentos, noe sun sos noe ordinamentos.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amigu meu, naraminde undighi
S.Martino:”Undighi tind’hap’a narrer, però amigu no. Undighi sun sas undighimizza virghines, deghe sun sos deghe cumandamentos.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amigu meu, naraminde doighi
S.Martino:”Doighi tind’hap’a narrer, però amigu no. Doighi sun sos doighi apostolos, undighi sun sas undighimizza virghines.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amigu meu, naraminde treighi
S.Martino:”Treighi no est in leghi, no est in le. Sette passos foras de me“Si fa il segno della croce poi si prosegue.”Tres perdas de fogu pro no ti bier in logu, tres perdas de frumene po no inteder lumene, tres perdas de sale po no ti incontrare
Demone: “Ora
S.Martino: “Io dentro e tu fuori. Sam Martino dalle buone parole, quello che è dentro non è fuori
Demone:”Amico mio, dimmene una
S.Martino:”Te ne dico una, ma non siamo amici. E’ che il Sole è più luminoso della Luna
Demone:”Amico mio, dimmene due
S.Martino:”Te ne dico due, ma non siamo amici. Due sono quelle due tavole di Mosè che Gesù Cristo dice a Gerusalemme; Dio Padre, Dio figlio e spirito santo amen
Demone:”Amico mio, dimmene tre
S.Martino:”Te ne dico tre, ma non siamo amici. Tre per quelle tre Marie, due sono quelle due tavole di Mosè che Gesù Cristo legge a Gerusalemme; Dio Padre, Dio figlio e spirito santo amen
Demone:”Amico mio, dimmene quattro
S.Martino:”Te ne dico quattro, ma non siamo amici. Quattro sono i quattro evangelisti, tre son le tre Marie…[ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amico mio, dimmene cinque
S.Martino:”Te ne dico cinque, ma non siamo amici.  Cinque son le cinque piaghe, quattro sono i quattro evangelisti.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amico mio, dimmene sei
S.Martino:”Te ne dico sei, ma non siamo amici. Sei sono le sei candele, cinque sono le cinque piaghe.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amico mio, dimmene sette
S.Martino:”Te ne dico sette, ma non siamo amici. Sette sono i sette doni, sei son le sei candele.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amico mio, dimmene otto
S.Martino:”Te ne dico otto, ma non siamo amici. Otto sono gli otto cuori, sette son i sette doni.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amico mio, dimmene nove
S.Martino:”Te ne dico nove, ma non siamo amici. Nove sono i nove ordinamenti, otto son gli otto cuori.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amico mio, dimmene dieci
S.Martino:”Te ne dico dieci, ma non siamo amici. Dieci sono i dieci comandamenti, nove sono i nove ordinamenti.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amico mio, dimmene undici
S.Martino:”Te ne dico undici, ma non siamo amici.  Undici son le undicimila vergini. dieci son i dieci comandamenti.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amico mio, dimmene dodici
S.Martino:”Te ne dico dodici, ma non siamo amici. Dodici sono i dodici apostoli, undici sono le undicimila vergini.. [ripetere sino alla fine]”
Demone:”Amico mio, dimmene tredici
S.Martino:”Tredici non è nella legge, non è in legge. Sette passi lontano da meSi fa il segno della croce poi si prosegue.Tre pietre di fuoco per non vederti in nessun luogo, tre pietre di fiume per non sentire il tuo nome, tre pietre di sale per non incontrarti

4 cose da fare prima di salutarci:
Aspetta! Prima di andare:
1. Ricevi subito l’Ebook GRATUITO Malocchio, prevenzione, cura e formule” iscrivendoti alla newsletter cliccando qui; in un minuto farai compagnia agli altri iscritti su contusu.it;
2. Se l’articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo sui tuoi social preferiti! Puoi farlo utilizzando i link social qui sopra;
3. Seguici sul gruppo Facebook
4. Hai domande, esperienze da portare, altro ? Scrivi un commento qui in basso.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE