Press "Enter" to skip to content

Rito contro l’aquila

Tempo di lettura: 1

Fa parte dell’antica cultura pastorale la pratica usata per impedire all’aquila di predare gli agnelli del gregge. Era una magia che per avere effetto, doveva essere compiuta solo da anziani dotati di particolari qualità e secondo un preciso rituale…

Con i piedi immersi nell’acqua corrente di un ruscello, ci si poneva di fronte al sole nascente, si legavano stretti, assieme con strisce di cuoio, diversi arboscelli e si pronunciava una formula misteriosa conosciuta solo da pochi. Questa la formula, raccolta ad Arzana alcuni anni fa da Paolo Pillonca, che la ebbe da uno zio di secondo grado, cugino della madre: Piero Muceli:

Abbìla, abbìla,
a pes tira-tira,
a pes ti pongio a modde.
E ti facas de fodde,
de fodde `e orciada.
Bai in ora mala
Aquila, aquila
strascicando i piedi
te li metto a mollo.
Possa tu diventare un fardello,
un fardello d’ortica.
Vai in malora

L’aquila rimaneva, così, prigioniera della magia e non poteva più minacciare le greggi.

tratto da GAL Ogliastra – Antiche Memorie
grazie agli amici di Agugliastra.it