Press "Enter" to skip to content

No al sito delle scorie nucleari in Sardegna

Tempo di lettura: 1
  • la Sardegna ha la più alta concentrazione di servitù militari rispetto al resto d’Italia;
  • la Sardegna ha il più alto indice di inquinamento ambientale da attività industriali e militari;
  • lo Stato italiano ammette che la parte a mare del poligono di Teulada non è più bonificabile;
  • nessuna bonifica è stata mai eseguita nei poligoni militari in Sardegna;
  • lo Stato italiano non ha mai imposto le opportune tutele (fidejussioni) per le bonifiche dei siti industriali;
  • in questi ultimi 20 anni il Popolo sardo ha respinto qualsiasi tentativo di individuare zone della Sardegna per localizzare siti di interesse nazionale per lo stoccaggio di scorie nucleari;
  • il Popolo Sardo, a maggioranza, ha espresso la sua contrarietà sul nucleare con il referendum del 13 Giugno 2011;

Tutto ciò premesso si diffida il Governo Italiano dal prendere in considerazione qualsiasi ipotesi di transito e stoccaggio di scorie radioattive nel territorio sardo e si invita la Regione Autonoma della Sardegna e i suoi organi preposti a vigilare sulla tutela ambientale del nostro territorio e sulla salute dei cittadini, e a respingere qualsiasi provocazione che possa identificare la nostra isola come possibile pattumiera nucleare.

FIRMA LA PETIZIONE ONLINE E DIFFONDI TRA I TUOI AMICI

contro le scorie nucleari in Sardegna