La Basilica di San Saturnino - Contus Antigus

La Basilica di San Saturnino

Tempo di lettura: 1

La prima menzione documentata della basilica di San Saturnino risale agli anni 533-34.
La basilica esisteva già all’epoca e gli storici ritengono che la sua fondazione risalga alla metà del V secolo. Essa sarebbe sorta come martyrium del martire cagliaritano Saturnino, decapitato secondo la Passio sancti Saturni il 23 novembre del 304 d.C. per non aver voluto rinnegare la sua fede cristiana.

Nel 1089 il giudice di Cagliari Costantino Salusio II de Lacon-Gunale fece dono della basilica ai monaci benedettini di San Vittore di Marsiglia che vi istituirono la sede del priorato sardo dell’Ordine e ne ristrutturarono la chiesa, secondo modi protoromanici.
Il convento, gravemente danneggiato già nella prima metà del 1300 durante l’assedio catalano, cadde del tutto in rovina un secolo dopo.
La chiesa fu restaurata nuovamente intorno al 1484.
Nel 1614 ebbero inizio, per volontà dell’arcivescovo Francisco desquivel, i celebri scavi per la ricerca de los cuerpos santos.

Due disegni dello studioso Francisco Carmona del 1631 ci mostrano la pianta ed una veduta esterna dell’edificio che risulta ancora integro. Nel 1669 la basilica fu in parte smantellata per ricavarne materiali utili alla ristrutturazione della cattedrale di Cagliari.
Concessa nel 1714 alla corporazione dei Medici e degli Speziali, fu reintitolata ai Santi Cosima e Damiano. Agli inizi del nostro secolo la chiesa subì vari restauri. nuovi interventi furono necessari dopo i bombardamenti del 1943. Chiusa al pubblico nel 1978, è stata riaperta nel luglio del 1996.
L’area circostante, oggetto di scavi archeologici, ha restituito numerose sepolture di età romana e bizantina.

4 cose da fare prima di salutarci:
Aspetta! Prima di andare:
1. Ricevi subito l’Ebook GRATUITO Malocchio, prevenzione, cura e formule” iscrivendoti alla newsletter cliccando qui; in un minuto farai compagnia agli altri iscritti su contusu.it;
2. Se l’articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo sui tuoi social preferiti! Puoi farlo utilizzando i link social qui sopra;
3. Seguici sul gruppo Facebook
4. Hai domande, esperienze da portare, altro ? Scrivi un commento qui in basso.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE