Il faro mangiabarche

cattedrale di cagliari
Tempo di lettura: 1 minuti

Qualche tempo fà ho avuto modo di scambiare due chiacchere con un genovese trasferitosi sull’isola di San Pietro per prendersi cura dei suoi fari ….

Figura professionale decisamente curiosa ed affascinante quella del “custode del faro” soprattutto per chi, come me, è abituato alla vita d’ufficio. Pensare che “l’open space” (insomma.. l’uffico) di quest’uomo è il faro di Capo Sandalo, la Ghinghetta o il Mangiabarche (oltre che un pò di altri siti sparsi tra l’isola di San Pietro e quella di San Antioco) o ancora rendersi conto che, per raggiungere il luogo di lavoro, si debba quotidianamente transitare dinnanzi “all’orrido” mi fa provare un pizzico di invidia. Del Mangiabarche abbiamo, almeno indirettamente, avuto già modo di farvi cenno in occasione dell’articolo dedicato ad uno dei “cantori” moderni di Cagliari: Massimo Carlotto.
Oggi vogliamo approfondire la conoscenza di questo “luogo di Sardegna” pubblicandone alcuni scatti.

 

 

 

4 cose da fare prima di salutarci:
Aspetta! Prima di andare:
1. Ricevi subito l’Ebook GRATUITO Malocchio, prevenzione, cura e formule” iscrivendoti alla newsletter cliccando qui; in un minuto farai compagnia agli altri iscritti su contusu.it;
2. Se l’articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo sui tuoi social preferiti! Puoi farlo utilizzando i link social qui sopra;
3. Seguici sul gruppo Facebook
4. Hai domande, esperienze da portare, altro ? Scrivi un commento qui in basso.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE