Frastimos e Irroccos – le imprecazioni sarde

Tempo di lettura: 13 minuti

frastimu

Le imprecazioni in Sardegna denotano la spiccata fantasia dei suoi abitanti. Queste imprecazioni, rivolte ai nemici o alla sorte avversa, prendono il nome di Frastimos o Irroccos, a seconda della zona.

Vi invito a leggere questo interessantissimo articolo sui frastimos : I sardi e le loro colorite imprecazioni
Un grazie alla pagina facebook “Il Frastimo” che mi ha dato l’idea della lista.

La lista è in continuo aggiornamento:

A

A spagu ti còsanta – a spago ti cuciano, quindi si augura una morte violenta che necessiti dell’autopsia (segnalato da Francesco Arzu)
Abruxau siasta
– Possa morire bruciato
Ancu no ti torrint’a bì mancu pintau – Che non ti possano rivedere neppure dipinto (segnalata da Carla Pinna)
Ancu andisi e non torrisi – Che tu vada e non ritorni
Ancu andisi e non torris e ndi torri scetti su nomini iscrittu in su giornali – Che tu vada e non ritorni e torni solo il tuo nome scritto nel giornale
Ancu andisi a duas cambas e torres a camba sola – Che tu vada con due gambe e torni con una gamba sola
Ancu andisi de grutta in grutta che su càschidu de bucca in bucca – Che tu vada di grotta in grotta come lo sbadiglio di bocca in bocca
Ancu andisi e non torris e ndi torri scetti su nomini iscrittu in su giornali – Che tu vada e non ritorni, torni solo il tuo nome scritto su un giornale
Ancu c’arruzzasta in unu fossu e moris de famini in viaggiu ! – Che tu possa cadere in un fosso e morire prima di arrivare al fondo (segnalata da Marco Sechi)

Ancu fettes su campidanu a brenugos tira tira – Che possa fare il Campidano strisciando sulle ginocchia (segnalato da Harry Angel)
Ancu ti pighiri una callentura fotti de ti scallai s’aneddu in su didu ! – Che ti venga una febbre così alta che ti squagli l’anello nel dito (segnalata da Marco Sechi)
Ancu ti nci pappinti is porceddas – Che ti divorino le scrofole
Ancu ti pighidi ognia mali malu – Che ti venga ogni male cattivo
Ancu t’aggàtene spistiddau, mortu e iscorgiau – Che ti trovino con la nuca fracassata, morto e scorticato
Ancu t’ia mortu a balla! – Che ti veda ucciso da una fucilata
Ancu ti ponganta in pitzus de unu molenti e ti nci scudanta in su peus logu  – Che ti trasportino a dorso di un asino e ti scaraventino nel peggior luogo
Ancu t’agàttene stragàu a balla! – Che ti trovino straziato dalle fucilate
Ancu ti bia cun dognia disgrazia! – Che ti veda con ogni disgrazia
Ancu ti bia màrturu in s’ungroni po totu vide tua! – Che ti veda paralizzato in un cantucciu per tutta la tua vita.
Ancu intret sa ruche in dommo tua – Che entri la croce in casa tua
Ancu tindi essad’una e pibisia chi no abarri logu de ndi essiri un’antra!!! – Che ti esca una pustola così grande che non rimanga posto per uscirne un’altra
Ancu ti sparidi sa giustizia – Che ti spari la giustizia
Ancu andes dae janna in janna e in neddube accattes grassia –  Che tu vada di porta in porta e in nessun luogo trovi grazia.
Ancu sias isperdiu, tue e sa zenerassione tua, chi no s accattet prus radichina – Che possa venir disperso tu e la generazione tua, che non si trovi più radice
Ancu ti currat in fattu – Che ti corrano dietro
Ancu curras cun is istintina in manos  – Che tu possa correre con l’intestino nelle mani (segnalato da Francesca Marzo)
Ancu torres a nudda – Che tu possa ritornare a nulla
Ancu t’agattinti cra manzana imbuligau in d’unu lanzoru aintru a unu baule – Che ti trovino domani mattina avvolto in un lenzuolo dentro una bara
Ancu spaccisi sa beccesa in presoni – Che possa finire la vecchiaia in prigione
Ancu appes disauras, dispiagheres e maladias cantos os bi cherent a istampare una campana noa – Che tu abbia disgrazie, dispiaceri e malattie quanti colpi di uova ci vogliono per bucare una campana nuova
Ancu ti ponganta peis a genna e conca in su muru – Possano metterti con i piedi verso la porta e la testa verso il muro (posizione della salma in attesa di essere inumata)
Ancu siast spredtziau in su fogu et fitiperiau sempiri po sempiri – Che tu sia disperso tra le fiamme e insultato per l’eternità. (segnalata da Graziella Pinna Arconte)
Ancu t’agàttene in d’unu lettu e sida – Sa Sida è un’erba con la quale si puo fare una barella, quindi si augura di venire colti da malore in campagna (segnalata da Santina Santapazienza)
Ancu ti pighinti in quattru – Che ti prendano in quattro, intendendo i quattro che portano la bara del morto. (segnalata da Barbara Dessì)
Ancu ci torrisi in su cunnu – Che tu possa rientrare da dove sei stato partorito (segnalato da Vincenzo Piras)
Ancu ti possiani aciapà moltu in lu riu,cussì ki li cani ani da bì e magnà! – Che ti possano trovare trovare nel fiume, così che i cani abbiano da bere e da mangiare (segnalato da Nino Sardonico)
Ancu ti arruara sa minca a terra e da pappinti is canis! – Che ti possa cadere il pene in terra e lo mangino i cani
Ancu ti pighinti in quattru – Che possano prenderti in quattro, intendendo i portatori della bara. (segnalata da Barbara Dessì)
Ancu ti connoscant dae sos pes – Che possano riconoscerti solo dai piedi, intendendo che il resto è bruciato (segnalato da Harry Angel)
Ancu ti manchet su pane, s’abba e su fogu – Che ti manchi il pane, l’acqua e il fuoco (segnalato da Harry Angel)
Ancu ti enzet unu male chi no bi siet rimediu a ti sanare – Che ti venga una malattia e che non ci sia nessun rimedio per guarirti (segnalato da Harry Angel)

Appiccàdu siast in die de sole e untu a mele – Che tu possa essere appeso in dì di sole e unto col miele
Aicci potzasta pappai cun frocchitta de pratta – Si narra che ai condannati a morte della città di Cagliari venisse servito l’ultimo pasto in stoviglie d’argento. (segnalato da Federico Casti)
Aicci siada su ziu chi m’iddai bendia – Riferito a chi vende la frutta marcia all’interno. (segnalata da Barbara Dessì)
Aicci castis is froris de is arrexinas – Così possa guardare i fiori dalle radici. Dedicato a chi ti guarda storto
Aicci ti ghettinti su pani – Così ti lancino il pane. Usata per  riprendere una persona che invece di passarti delicatamente un oggetto te lo lancia. Voleva indicare una situazione di stenti estremi dove il pane duro veniva lanciato con disprezzo a chi ne era bisognoso
A perdas pizzighese – Che tu possa essere lapidato (segnalato da Gabriella Lucchesu)
Azzapula , azzapula , feri , feri …..andisti !!! – Cadi cadi, sbatti sbatti tu possa andare. (segnalata da Gabriella Seu)

C

Chi t’interrinti biu po sa pressi – Che ti sotterrino vivo per la fretta
Ancu ti bengiada ua callentura de t’arridai duas futtas ‘e pani in sa schina – Che ti venga la febbre tanto alta da abbrustolirti due fette di pane nella schiena (segnalata da Patrizia Onida)
Chi ti pighiri su dimmoniu in dommu tua a intra’è notti!! – Che ti porti via il demonio in casa tua nella notte
Chi ti pighidi scraffingiu a is ogus e is manus a canciofa – Che ti venga prurito agli occhi e le mani come carciofi
Che in sa cadriga de Santu Larenzu ti che ponzana a fogu lentu – Che ti mettano a fuoco lento nella graticola di San Lorenzo
Cantu dura su sonu campe su padronu – Quanto dura il suono duri il padrone. Si dice solitamente a chi scorreggia
Cantas sunu sas pummas de sa pudda, annadas malas e maledisciones ti calent – Quante sono le piume della gallina, annate cattive e maledizioni ti vengano (segnalato da Harry Angel)
Chi ti fazza che s’erba a is canis – Che ti faccia come l’erba ai cani. Si dice così quando si augura a qualcuno che ciò che mangia gli vada di traverso o che la vomiti! (segnalata da Daniele Mostallino)
Chi ti pissighia lu vajont – Che ti segua l’acqua del Vajont (segnalata da Stefano Paola Sanna Albioni)
Chi di occiada su sidi conca a s’aqua! – Che tu possa morire di sete quando ormai sei giunto alla sorgente d’acqua
Chi no pozzasta torrai sulidu – Che possa mancarti il fiato (segnalato da Massimo Di Martino)
Chi ti pozzas squartarai in d’unu muru e candu  ti ciccanta, non t’agattinti, poitta  ti piganta po sa pubblicidadi de is tamattasa – Che ti possa schiantare su un muro e quando ti cercano, non ti trovino, perchè ti confondono con la pubblicità dei pomodori
Chi ti falene tanto males cantos ooso bi cherene pò ippaccare un campana – Ti vengano tante malattie quante uova servono per spaccare una campana (segnalata da Elisabetta Derosas)

D

Da cantos pisches at su regnu marinu, a cantos puzones bolant in s’aera, a cantas untzas pesat su terrinu; da cantos frores bessint in beranu, a cantos coros palpitant in sinu, ancu non bias mura ne cota né froria; da cantu in mill’annos b’at minutos, gai ti calent lampos e tronos allutos – sii colpito dalla malasorte – tante volte quanti pesci ci sono nel mare, quanti uccelli volano nell’aria, quante once pesa la Terra, quanti fiori sbocciano in primavera, quanti cuori palpitano in seno, così tante volte tu non possa vedere le more ne mature ne fiorite; tante volte quanti minuti vi sono in mille anni, cosi scendano su di te lampi e tuoni accesi…
Dolore ‘e matta , ti enzat in die ‘e festa!!!  – Mal di pancia ti venga in giorno di festa
Deus ti mantenzat e sos santos ti addobbene – Dio ti mantenga e i santi ti picchino
Dae su lettu a su baulu fatzasta – Che tu faccia dal letto alla cassa da morto. (segnalata da Zeno Veruti)
Dogna curva un’orroda – Ad ogni curva (si stacchi) una ruota, usato quando uno guida imprudentemente rischiando di investire la gente. (segnalata da Francesco Arzu)

scarica i nostri ebook in pdfF

Fogu ti pichidi e acqua t’ammachidi – Possa prendere fuoco e mancarti l’acqua
Fogu t’abruxidi e su bentu ci tiridi a casinu su cinixu – Il fuoco ti bruci e il vento sparga lontano la cenere (segnalato da Fabio Marduk Ardu)

G

Gesu Cristu ti onga 100 annus de vida… 99 mobadiu e croccau  e morendi un’annu e una xida – Gesù Cristo ti dia 100 anni di vita, 99 malatto e coricato e un anno e una settimana di agonia (segnalato da Mocci Vittorio)

I

Istrale – Ascia. Lapidario. Si può aggiungere in genere “a conca” (In testa) o ” a tzugu” (nel collo) (segnalata da Vincenzo Piras)
Is ogus arrutus
– Gli occhi ti cadano. Solitamente si dice contro chi fa il malocchio o guarda storto
Is ogus puntus – Gli occhi punti. Solitamente si dice contro chi fa il malocchio o guarda storto
Is manus purdiadas – Le mani putrefatte
Is manus cancadadas e impromittias a sant’arega – le mani rattrappite e promesse a Santa Greca
Is manus che ziu Pinna, una de ferru e s’attra de linna – Le mani come zio Pinna (?), una di ferro e l’altra di legna
Is manus che su sagrestanu de sant’arega, ca sonada is campanas cun is dentis – Le mani come il sacrestano di Santa Greca, che suonava le campane con i denti
Is ossusu in pruini nd’aregolla su Dottori – Le ossa in polvere raccolga il dottore
Is barras cancaradas – Anche semplicemente “Is barras“. Ti possano cadere le mascelle. Solitamente riferito a qualcuno che bestemmia. (segnalato da Diego Cotza)
In culu setti agus ti passinti – Diretta a qualcuno che si lamenta perchè non riesce a passare per la strada

L

L’alenu d’unu ammazzia l’altu – Il respiro di uno uccida l’altro
Lumbara e spistiddara – Fatta a pezzi e con la nuca fracassata (segnalata da Martina Dessì)
Lampu ddi calidi! – Che gli scenda un lampo (segnalato da Andrea Nonnis)

M

Malas pascas chi fettas – Che tu possa passare delle brutte feste (segnalato da Antonio Regnum Sardiniae Pira)
Mancai fezzasta s’andada e su fumu e sa torrada de s’Andrea Doria
– Classica imprecazione. Che possa fare l’andata del fumo e il ritorno dell’Andrea Doria.
Mancai t’arruzada unu brazzu affatt’e s’attru – Che ti possa cadere un braccio dietro l’altro
Mancu ki no bidasa lughe in totta vida e si la idese ki siede mamma dua brujende – Che tu non possa vedere mai luce nella tua vita e se la vedi che sia tua madre che brucia
Mancai ti spizzullidi s’Axra – che ti possa pizzicare l’Argia (ragno velenoso) (segnalata da Fabio Mulas)
Mancari dures comente unu punzu de sale in s’abba callente – Che tu possa durare come un pugno di sale nell’acqua bollente. (segnalata da Santina Santapazienza)
Mal’accabbu fezzasta – Che tu possa fare una brutta fine (segnalato da Massimo di Martino)
Maladittu su latti chi ti sesi buffau candu sesi nasciru ! – Maledetto il latte che hai bevuto quando sei nato. (segnalato da Gianni Mura)

N

No po ti oli Mali, ma d’ogna giru chi faidi sa roda de sa macchina po’ torrai a domu, una di de uspidali! – Classica Non per volerti male ma ogni giro che fa la ruota della macchina per tornare a casa, un giorno di ospedale
No esti po d’olli mali ma chi du biemmu allupendi du cumbidammu una tassa de abba – non è per volergli male ma se lo vedevo affogando gli offrivo un bicchiere d’acqua

P

Passidi a mei e bengada a tui – Passi a me e venga a te.
Poborittu chi potada un’oghu de zappu e una gamba de figu! – Poveretto se aveva un occhio di stracci e una gamba di legno di fico. In risposta a qualcuno che dice ” Poveretto quello/a”.

S

S’enna de su baullu!- La porta della bara. Da dire quando qualcuno non chiude la porta
Sa manu chei sa de su milesu ,chi contaiat s’aranzu chin su pè
– Che tu possa avere la mano come quella del milese (?) che contava le arance con il piede
Sa basca de Cragallu, ca ddi funti abbaradasa shetti is accioasa ‘e is crappitasa – Possa provare il caldo che provò Cragallu, a cui rimasero solo i chiodi delle scarpe intendendo che il resto è bruciato (Segnalato da Piero Cossu) 
S’arrisu e  s’arenada, chi s’est opetta e no s’est prus serrada
– Il sorriso della melagrana, che si è aperta e non si è più chiusa
S’arrisu de s’arenada chi cando s’è cotta s’è crepada – Il sorriso della melagrana che quando matura si spacca. si dice quando qualcuno ride a sproposito
S’arrisu de s’angioni in dì de pasca – Il sorriso dell’agnello nel giorno di Pasqua
S’arrisu t’andidi in prantu – Il ridere si trasformi in pianto. Quando qualcuno ride a sproposito
Salude e trigu a carras, e cumente tronat in chelu ti tronente sas barras – Salute e grano a stai, e come tuona in cielo ti tuonino (?) le mascelle
S’urtimu – l’ultimo. Solitamente si dice quando uno starnutisce forte, nel senso che sia l’ultimo che fa in vita.
Su predi a mengianu e is froris a merì – Il prete di mattina e i fiori di sera
Squattarau siasta – che tu sia squartato
Sas manos chi filighe naschinne – Le mani come la felce quando nasce. Per avere una idea, cercate una foto della felce in boccio
Sas manos che sa minca e nonnu – Le mani come il mebro di nonno (secco, rattrapitto, morto). Rivolto ha chi ha le mani lunghe o non chiude la porta. (segnalata da Costantino Mongili)
Sa mazza in prazza e sa frisciura in crabittura – L’intestino in cortile e le interiora nel tetto
Sa prossim’orta chi bessis de dommu siada appalas de sa cruxi – La prossima volta che esci da casa che possa essere dietro la croce
Su pidu piu piu cantu dura su fragu duristi biu – Lo scorreggio piu piu quanto dura la puzza possa durare tu vivo. Solitamente riferito a chi scorreggia
Saludi a su sonu e fogu a s’istrumentu! – Salute al suono e fuoco allo strumento. Si dice solitamente a chi scorreggia
Saludi a su bessiu e fogu a su biu – Salute al suono e fuoco al vivo. Si dice solitamente a chi scorreggia
Sa matta chi ti che falet – Il ventre che ti scenda (ernia)
Sa giustissia ti èndada a s’incantu – La giustizia ti venda all’incanto
Sa limba pabassada! – La lingua appassita
Santa Bibbiana, Ancu morjas de gana, O ti surbet s’arrana – Santa Bibbiana Che tu muoia di fame O ti succhielli la rana
Su corpu a sos corbos, s’anima a sos dimonios – Il corpo ai corvi e l’anima ai demoni
Si t’agàtas prenu de appetitu ti ànzat unu frittu e morzas ululande – se ti trovi a mangiare pieno di appetito,ti venga un brivido di freddo e possa morire ululando
Sos ojos in su piattu ke a Santa Lughia – Gli occhi nel piatto come Santa Lucia
S’andar”e Jaju – L’andata di Nonno… (segnalata da Vincenzo Piras)
Siccau t’agattene – Ti trovino secco (segnalata da Vincenzo Piras)
‘Stizia ti pighidi – La giustizia ti catturi (segnalata da Giulia Chillocci)

T

Ti doppiasta scidai fridu – Ti dovevi svegliare freddo (un augurio di morte). Segnalato da Gianfranco Erriu
Ti sicchidi su soli e su bentu ti sonidi is ossus – il sole ti secchi ed il vento ti faccia suonare le ossa.
Ti calente tantos rajos cantu fotzas nanniga su entu – ti possano colpire tanti fulmini quante foglie riesce a muovere il vento”
Ti ‘nde falene duos rajos, unu mannu e unu minore, ei su minore chi non lasse logu a su mannu – Ti colpiscano due fulmini, uno grande e uno piccolo, e quello piccolo che non lasci posto al grande
Ti auguru cent’annus de vida. norantanoi maladiu e unu preghendi a morri – Ti auguro cent’anni di vita, novantanove malato e uno pregando per morire
Ti auguru de bivi cent’annusu: norantanoi pesa e crocca e unu in agonia – Ti auguro di vivere cent’anni di vita. Novantanove malato e uno in agonia. (segnalata da Hermione Miao)
Ti auguru de essi talmenti arriccu de ti podi comprai 1000 cuaddusu chi no pozzanta accudi andendi e torrendi pottendidì mexina – Ti auguro di essere così ricco da poterti comprare 1000 cavalli che non possano stare dietro ad andare e tornare portandoti medicine
Ti auguru de accabai in una presoni aicci strinta ca ti deppisi segai sa braba d’ogna dì po doi capi – ti auguro di finire in una prigione così stretta che ti devi tagliare la barba per starci dentro. (segnalata da Hermione Miao)
Ti pighidi una guta serena – Ti venga una paresi con la bocca sorridente. (segnalata da Imperator Dino Pontifex Maximus)

U

Una camba da perdasa in camminu e s’attra ti da seghi su dottori! – Una gamba la perda in cammino e una te la tagli il dottore
Una colora e una maladia chi ti fettene cumpagnia – Una biscia e una malattia ti facciano compagnia (segnalata da Carlo Cabras)
Unu, duos e trese, Male ti corches e pejus ti peses – Uno due e tre, Che ti corichi male e peggio ti alzi
Una nui una nui, pedra manna dungollara, a chini scuttara ingui, una nui cun folla, a chini scuttara ingui, pedra manna dungollara – Una nuvola una nuvola, pietra grande colpisca, a chi sta ascoltando lì, una nuvola con foglie, a chi ascolta lì, pietra grande lo colpisca

Z

Zaccau siasta – Che tu possa spaccarti

FRASTIMOS ARTICOLATI

A: Bazzi in bon’ora!
B: Donzi passu una colora!
A: Una colora e una malattia chi ti fettan cumpanzìa!
Trad:
A: Fai/fate buon viaggio. (Sarcastico)
B: Che tu possa incontrare un serpente ad ogni passo che farai lungo il cammino!
A: Un serpente e una malattia siano le tue compagne di viaggio! (segnalato da Antonio Regnum Sardiniae Pira)

Da cantos pisches at su regnu marinu, a cantos puzones bolant in s’aera, a cantas untzas pesat su terrinu; da cantos frores bessint in primavera, a cantos coros palpitant in sinu, ancu non bias mura ne cota né froria; da cantu in mill’annos b’at minutos, gai ti calent lampos e tronos allutos…
sii colpito dalla malasorte – tante volte quanti pesci ci sono nel mare, quanti uccelli volano nell’aria, quante once pesa la Terra, quanti fiori sbocciano in primavera, quanti cuori palpitano in seno, così tante volte tu non possa vedere le more ne mature ne fiorite; tante volte quanti minuti vi sono in mille anni, cosi scendano su di te lampi e tuoni accesi…

Non frastimmo ca non potho frastimmare
ca deus non m’a dadu su talentu
ancu si pesede unu fogu lentu
chi non l’istudent sas abbas de su mare
su palattu si pottad’ oltulare
ponner sa crobettura a fundamentu
si pottad’ oltulare su palattu
deo cun sa rughe addenanti e tue fattu
Non impreco perchè non so imprecare
poichè Dio non mi ha dato questo talento
possa alzarsi un focherello
che le acque del mare non riescano a spegnerlo
il palazzo possa rovesciarsi
mettendo il tetto nelle fondazioni
possa pure rovesciarsi il palazzo
io sto con la croce davanti e tu dietro ( ovvero steso nella bara mentre viene accompagnato in cimitero)

Males chi ti ‘enzan
Canta rena b’hat in mare
Cant’isteddos b’hat in chelu
Cantas fozas movet bentu
E duttore no s’agatet
A ti los poder curare.
Ti vengano tanti malanni
quanta sabbia c’è in mare
quante stelle ci sono in celo
quante foglie muove il vento
e dottore non si trovi
che possa curarteli

4 cose da fare prima di salutarci:
Aspetta! Prima di andare:
1. Ricevi subito l’Ebook GRATUITO Malocchio, prevenzione, cura e formule” iscrivendoti alla newsletter cliccando qui; in un minuto farai compagnia agli altri iscritti su contusu.it;
2. Se l’articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo sui tuoi social preferiti! Puoi farlo utilizzando i link social qui sopra;
3. Seguici sul gruppo Facebook
4. Hai domande, esperienze da portare, altro ? Scrivi un commento qui in basso.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE