Cisterna Punica della Sella del Diavolo - Contus Antigus

Cisterna Punica della Sella del Diavolo

Tempo di lettura: 2 minuti

Alla quota più alta del sistema collinare noto ai cagliaritani come Sella del Diavolo sono presenti due cisterne, di cui una è sicuramente punica e l’altra probabilmente di epoca romana.

Quella romana, illustrata nella foto, ha sezione a tronco di cono ed è profonda cinque metri e mezzo. Essa sorge nel punto più alto del colle, a pochi metri dalla torre di Sant’Elia e dai ruderi dell’antica chiesetta di Sant’Elia, di cui sopravvive soltanto il perimetro murario per un’altezza di qualche metro, semisepolto da una folta vegetazione di agavi.
Il diametro di base della cisterna e di quasi cinque metri. Il terriccio presente sul fondo impedisce di apprezzarlo completamente e di scorgere quella vaschetta centrale, generalmente circolare, di decantazione dell’acqua, che è quasi sempre presente in questo tipo di cisterne.
All’imboccatura, che è protetta da una grata metallica, il diametro si riduce a poco più di ottanta centimetri.

Data la vicinanza con la chiesetta, a cui secondo la tradizione era annesso un piccolo monastero, è probabile che la cisterna sia stata utilizzata anche durante il Medioevo per le esigenze idriche dei monaci.
Il manufatto si presenta ancora in ottime condizioni, per quanto sia scomparsa la vera di chiusura , cioè l’anello di pietra che restringeva il foro d’imbocco e su cui poggiava la copertura . Di particolare interesse, proprio a fianco alla cisterna, è il sistema di vasche e canalette collegate fra loro, realizzato sul banco roccioso per far confluire nella cisterna la maggior quantità possibile di acqua piovana.
cistera punica di sant'elia - cagliariSecondo un’antica leggenda cagliaritana questa cisterna avrebbe un nome: è “sa bucca de su tiaulu”, cioè la bocca del diavolo. Racconta la leggenda che un giovane di nome Bernardo, salito sul colle con una donna poco seria e distratto da lei, sarebbe precipitato in quella cisterna perdendovi la vita.
La sua fidanzata, impazzita dal dolore, avrebbe girato per anni ed anni di casa in casa, a chiedere disperata sue notizie.

cistera punica di sant'elia - cagliari

 

Foto Andrea Gambula

Testi Provincia di Cagliari – www.provincia.cagliari.it

4 cose da fare prima di salutarci:
Aspetta! Prima di andare:
1. Ricevi subito l’Ebook GRATUITO Malocchio, prevenzione, cura e formule” iscrivendoti alla newsletter cliccando qui; in un minuto farai compagnia agli altri iscritti su contusu.it;
2. Se l’articolo ti è piaciuto, non dimenticare di condividerlo sui tuoi social preferiti! Puoi farlo utilizzando i link social qui sopra;
3. Seguici sul gruppo Facebook
4. Hai domande, esperienze da portare, altro ? Scrivi un commento qui in basso.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE